Comitati Valutazione

A.S: 2014/2015

Caratteristiche e funzioni del comitato per la valutazione del servizio dei docenti

Presso ogni circolo didattico o istituto scolastico è istituito il “Comitato per la valutazione del servizio dei docenti”. Il comitato è formato, oltre che dal dirigente scolastico, che ne è il presidente, da 2 o 4 docenti quali membri effettivi e da 1 o 2 docenti quali membri supplenti, a seconda che la scuola o istituto abbia sino a 50 oppure più di 50 docenti. I membri del comitato sono eletti dal “Collegio dei docenti” nel suo seno. Il “Comitato per la valutazione dei docenti” ha il compito di:

  • valutare l'anno di formazione del personale docente
  • riabilitare il personale docente su loro richiesta
  • esprime parere sulla conferma in ruolo dei docenti in prova.

Il “Comitato per la valutazione del servizio degli insegnanti” è convocato dal dirigente scolastico alla conclusione dell'anno scolastico di riferimento, agli effetti della valutazione del periodo di prova degli insegnanti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Il dirigente scolastico, dopo aver sentito il parere del “Comitato per la valutazione del servizio”, redige una relazione di prova. La conferma in ruolo è di competenza del Centro dei Servizi Amministrativi (CSA).
Nel nostro istituto il "Comitato per la valutazione del servizio degli insegnanti" per l’anno scolastico 2014/2015 è così composto: 

 

MEMBRI EFFETTIVI

  • Ins. Moschella C
  • Ins. Tempesta G
  • Ins. Palma A
  • Ins. Russo D

MEMBRI SUPPLENTI

  • Silvana Corcione
  • Improta D

Tutor

Il docente neo nominato si trova per la prima volta nelle condizioni di mettere alla prova ciò che ha precedentemente appreso nella fase di studio, di tirocinio, di preparazione al concorso e le sue caratteristiche vocazionali. Si inserisce in un “contesto” in cui deve trovare le risorse necessarie per acquisire le abilità e le competenze professionali. Ha bisogno, quindi, di essere accompagnato con azioni mirate e di avere informazioni ed assistenza.
I tutors hanno il compito di:

  • Guidare il/la collega neo-assunto/a ad assumere il proprio ruolo all’interno dell’istituto e della scuola di servizio, puntualizzando insieme i doveri e i diritti che contraddistinguono il ruolo professionale dell’insegnante
  • Presentare e illustrare i documenti fondamentali della scuola (POF, Regolamento di Istituto, Progetti, Programmazioni, ecc)
  • Assistere il/la docente in anno di formazione “… per quanto attiene gli aspetti relativi alla programmazione educativa e didattica, alla progettazione di itinerari didattici, alla predisposizione di strumenti di verifica e valutazione”
  • Facilitare l’accesso alle informazioni, i rapporti interni (rapporti con gli alunni, con i colleghi, con il personale ausiliario, con gli organi collegiali) e le interazioni con i soggetti esterni alla scuola (rapporti con le famiglie e con le agenzie educative che collaborano con l’istituzione scolastica)
  • Favorire la cultura della cooperazione, della progettualità, della collegialità come risorsa incentivando l’impegno, la disponibilità e la collaborazione.